Un altro progetto ad alto budget si è bloccato a causa dello sciopero finora di grande impatto della Writers’ Guild of America (WGA) in corso negli Stati Uniti. Northern Ireland Screen, che sta lavorando in associazione con Amazon Studios e Scott Free Productions Blade Runner 2099, ha confermato che i lavori si erano fermati immediatamente. Le riprese della serie non dovrebbero iniziare fino alla primavera del 2024, secondo BBC Northern Ireland.


La serie è basata sul Blade Runner film da Ridley Scott- a bordo come produttore esecutivo – e Denis Villeneuve, che era responsabile del suo seguito, Blade Runner 2049. In una dichiarazione, Northern Ireland Screen ha confermato Blade Runner 2099 era stato ritardato.

COLLIDER VIDEO DEL GIORNOSCORRI PER CONTINUARE CON I CONTENUTI

“Northern Ireland Screen è estremamente deluso dal fatto che Blade Runner 2099 non stia andando avanti in questo momento a causa dello sciopero degli sceneggiatori in corso. Il progetto è in preparazione a Belfast ormai da molti mesi. Lo sciopero WGA ha interrotto la produzione in tutto il mondo e speriamo che venga raggiunto presto un accordo equo in modo che la troupe possa tornare al lavoro.

“Questo ovviamente lascia un vuoto nel programma di produzione dell’Irlanda del Nord e Northern Ireland Screen farà tutto il possibile per colmare quel vuoto il più rapidamente possibile, consapevole che molte troupe freelance e società di filiera si affidavano a questo progetto per lavorare nei mesi a venire. “

Ad annunciare il progetto lo scorso anno, il capo della televisione globale di Amazon Studios Vernon Sander lo descrisse come una “continuazione del Blade Runner franchising.” Come indica il titolo, Blade Runner 2099 è ambientato 50 anni dopo il sequel Blade Runner 2049.

Bladerunner - 1982

CORRELATO: “Blade Runner 2099”: dettagli sulle riprese, trama, troupe e tutto ciò che sappiamo finora sulla serie di video Prime


Perché lo sciopero WGA è importante

La Writers Guild of America sostiene che i suoi membri non stanno attualmente ricevendo la loro giusta quota di pagamenti residui dal loro lavoro, grazie soprattutto all’ascesa delle piattaforme di streaming. Se un programma televisivo viene trasmesso in rete televisiva, ma anche in streaming, quest’ultimo viene pagato con importi notevolmente inferiori. Per gli streamer, gli scrittori ricevono una tariffa fissa indipendentemente dal successo, ma la trasmissione televisiva utilizza un modello di “ricompensa per il successo”. Ciò significa che maggiore è il successo di uno spettacolo, più lunga sarà la sua vita e più soldi guadagneranno i suoi creatori.

La WGA sta anche facendo una campagna per un salario minimo più alto e vorrebbe rassicurazioni sui timori sull’uso dell’intelligenza artificiale nella scrittura di sceneggiature, chiedendo all’Alliance of Motion Picture and Television Producers una garanzia che non sarà “usata come materiale di partenza”, quindi negando la necessità di scrittori reali.

Leggi di più sullo sciopero WGA, cosa significa per te come spettatore e perché dovresti supportare gli scrittori nella loro ricerca di equità.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published.