In una storia di connessione umana che sfida le barriere linguistiche e culturali, comico e attore Bert Kreischer fa il suo debutto cinematografico nelle sale La macchinanelle sale dal 26 maggio. Basato sulla fantastica storia di cabaret che Kreischer ha raccontato dei suoi giorni al college frequentando la Florida State University, e diretto da Pietro Atencio (Keanu), la commedia d’azione si svolge 23 anni dopo, quando Kreischer (che interpreta se stesso) e suo padre, interpretato da Mark Hammill, deve affrontare le conseguenze delle sue azioni. di Collider Steve Weintraub ha parlato con Kreischer del suo primo ruolo da protagonista in un lungometraggio e di com’è stato guidare la carica in un film di Hollywood insieme a una leggenda di Hollywood.

COLLIDER VIDEO DEL GIORNOSCORRI PER CONTINUARE CON I CONTENUTI

La macchina salta tra i giorni nostri e l’anno 1999, quando Bert Kreischer andò in viaggio per il college in Russia e fece amicizia con un gruppo di mafiosi russi. Due decenni dopo, Bert è un padre di famiglia e sono lontani i giorni di “The Machine”. Ora, invece di rapinare treni con la mafia russa mentre è ubriaco di vodka, è costantemente in disaccordo con suo padre (Hamill), che non trova divertenti le sue buffonate. Come vuole il destino, sia lui che suo padre vengono rapiti da una donna che afferma che “The Machine” è stata coinvolta in una rapina che li ha aggrovigliati con una famiglia sociopatica, riportandoli in Russia. La macchina anche stelle Jimmy Tatro come il giovane Bert, Iva Babic, Martyn FordE Stefania Kurtzuba.

Prima di fare questo selvaggio viaggio in treno, dai un’occhiata all’intervista di Kreischer con Weintraub nel video e nella trascrizione qui sotto, e scopri cosa ha imparato nella sua “immersione profonda” di Star Wars con Hamill, come ha attinto al suo Daniel Day-Lewis sul set, e per quanto riguarda la produzione cinematografica ha trovato “la più noiosa”. Kreischer condivide anche ciò che è più entusiasta che i suoi fan vedano e le uova di Pasqua nascoste piantate nel film affinché il pubblico possa catturarle.

COLLIDER: Ero 50/50 sul fatto che avresti fatto o meno le tue interviste a torso nudo.

BERT KREISCHER: [Laughs] Vorrei poter! Odio indossare camicie e sto ingrassando, quindi nessuna delle mie camicie mi sta bene in questo momento.

bert-kreischer-razzle-dazzle
Immagine tramite Netflix

Lo studio o un pubblicista ha detto: “Sì, indossi una maglietta oggi?”

KREISCHER: Oh sì. Oh, hanno magliette per tutto ciò che dovrei fare, e io sono così grasso che non riesco a metterle, quindi finisco per togliermele comunque nel bel mezzo del colloquio perché i miei bottoni sono solo sporgenti.

Quindi quello che stai cercando di dire è che i pubblicisti ce l’hanno Alcuni controllo, ma non tutto il controllo.

KREISCHER: Pubblicista e mia moglie; anche mia moglie ha scelto le magliette.

Quindi hai fatto molto in termini di speciali comici, podcast, hai messo molto là fuori. Se qualcuno non ti ha mai sentito o visto prima, qual è la prima cosa che vuoi che guardi?

KREISCHER: Questa è la domanda più grande! Voglio che guardino– Merda, se qualcuno non mi ha mai visto prima, penso di volere che guardino la storia di “The Machine”, penso di volere che guardino la storia di “The Machine”. Stavo per dire 2 Bears 1 Cave perché sento di condividere così tanto su chi sono in quel podcast, ma poi devi incontrare Tom [Seguar]ed è anche un snoozefest, quindi sarà la storia di “The Machine”.

Devi avere Mark Hamill nel ruolo di tuo padre in questo film, e volevo sapere, quanto tempo hai impiegato sul set prima che iniziassi a tempestarlo di domande su Star Wars perché hai l’età in cui sei cresciuto con Star Wars .

KREISCHER: Oh sì, l’ho visto al cinema, l’ho visto Il ritorno dello Jedi al cinema, e durante il viaggio verso casa, ho provato a far sollevare la mia bambola Chewbacca [mimes using the Force]. Ero ossessionato con Star Wars, ero ossessionato da Star Wars.

Durante le prove gli facevo delle domande. Ad esempio, proprio quando l’ho incontrato per la prima volta, lo stavo martellando per ogni– e gli stavo chiedendo, tipo, “Harrison Ford fuma erba?” Gli stavo facendo anche domande da adulto. Ero ossessionato dall’energia di Carrie Fisher, come nella vita, quindi l’amavo, e quindi ho avuto modo di approfondire tutto! E volevo sapere, tipo, chi erano le persone che avrebbero dovuto interpretare i ruoli, e lui aveva tutto questo. Non sapevo che Harrison Ford stesse solo aiutando a leggere le parti con altre persone, penso che Tom Selleck avrebbe dovuto interpretare Han Solo, e poi– è stato fantastico. È stato fantastico e si è preso il tempo per dirti tutto, tipo, capisce che il peso dei tuoi sogni e le tue speranze riposano sul fatto che sia gentile con te. Ci sono molte celebrità che hanno lasciato cadere la palla su questo, e Mark Hamill no.

Bert Kreischer e Mark Hamill guardano qualcosa di scioccato in The Machine.
Immagine tramite Sony Pictures

Questa è la tua prima volta, credo, ad essere il numero uno sul foglio delle chiamate, e sei il protagonista di un film di Hollywood. Cosa ti ha davvero sorpreso nel girare un film come questo e mantenere l’energia ogni giorno? Perché, da quello che ho capito, è come una maratona quando stai filmando.

KREISCHER: Oh, quindi non ho mai veramente capito che gli attori debbano essere nel personaggio e cose del genere. Ad esempio, non l’ho capito, non ho mai recitato. E nella maggior parte di questo film, interpreto solo me stesso, quindi sono nel personaggio ogni giorno quando mi presento al lavoro. Poi c’è stata una scena in cui, durante le prove, lo stiamo facendo durante le prove, e ho avuto accesso a un’emozione e ho iniziato a piangere, e l’attrice, Iva Babic, ha detto: “È stato davvero bello, dovresti fallo nella cosa “, e io rispondo,” non so se posso. Mi ha detto, “Vai da solo e non perdere questa energia, e riportala dentro e lo faremo, e ti prenderemo”, e il regista è stato forte. Non ci ero mai stato. È stata la cosa più bella della recitazione, è come se all’improvviso mi trovassi in questa tenda, pensando a mia figlia, e la nostra relazione era un po’ difficile, e ci sono entrato, e ho pensato, “È fottutamente figo “, e poi ho pensato,” Oh amico, voglio vedere cosa fa Daniel Day-Lewis. All’improvviso, sei tipo “È fantastico!” Quindi, sì, è stata come la sfida, credo.

Quando Legendary ha acquisito i diritti per realizzare la tua storia La macchina, gli studi cinematografici acquisiscono continuamente i diritti, ma ciò non significa che in realtà andrà avanti. Quando hai capito: “Oh merda, succederà davvero?”

KREISCHER: [Laughs] Amico, Peter Atencio è venuto a casa mia con una bottiglia di Blanton’s – e avevamo avuto il via libera, non sapevo ancora cosa significasse, sono molto serio, non sapevo cosa significasse – e ha aperto una bottiglia di Blanton, e lui dice: “Quindi stiamo facendo questo film”. Ma la gente continua a dire: “Sì, stiamo girando un film. Stiamo girando un film”. E io: “Sì, sì, sì”, e lui: “No, domani vado in Serbia”, e io: “Perché vai in Serbia?” Dice: “Iniziare a esplorare le posizioni”. Dico: “Aspetta, tipo, vieni pagato?” E lui era tipo “Amico, il mio affare è chiuso”, dice “Preparati, faremo un film tra un mese” e io ero tipo “Chiudi quella f–”. Non ne avevo davvero idea finché non abbiamo aperto quella bottiglia di Blanton’s.

Bert Kreisher tiene una bottiglia vuota in The Machine
Immagine tramite Sony Pictures

Succede tutto il tempo! Fare un film, ottenere il via libera, è davvero difficile.

KREISCHER: Sì, è impossibile. Voglio dire, non posso credere… mi sento davvero fortunato. Hai mai visto quei video su Instagram in cui la signora esce nel traffico e un autobus la perde per un minuto? È così che mi sento, mi sento come se un gruppo di autobus mi avesse appena mancato e io me ne sto qui a dire: “Come sono arrivato qui? Questo è pazzesco.” Sì, sono davvero, davvero, davvero, davvero fortunato. Sono stato fortunato, e sono stato fortunato ad essere circondato da come – e so che la gente lo dice e non lo pensa sul serio, ma solo persone pazze di talento che sapevano tutti cosa cazzo stavano facendo.

Ah, al 100%. Cosa non vedi l’ora che i tuoi fan vedano effettivamente nel film?

KREISCHER: Ci sono molte cose; ci sono immersioni profonde. Sono entusiasta che vedranno cose che non erano nel trailer. Questo è ciò di cui sono entusiasta. Ho un amico che ha visto uno screener, un ragazzo in un programma radiofonico, e il suo commento è stato: “Non hai messo tutte le parti divertenti nel trailer. Questo film è fottutamente fantastico! E io ero tipo “Sì! Questo è tutto.” Ho delle piccole uova di Pasqua nel film, come se avessi dipinto a spruzzo Thomas grasso, come se ci fossero piccole cose del genere. Ad esempio, il tizio a cui strappiamo la testa è il campione UFC, buon amico di Rogan. Sono entusiasta che le persone trovino le piccole cose che sono come le uova di Pasqua.

C’è stato un giorno in cui hai pensato che qualcosa sarebbe stato semplicissimo da filmare e alla fine è stato un gran rompicoglioni?

KREISCHER: No, no, no, devo essere onesto con te, mi è piaciuto davvero ogni secondo. Mi sentivo davvero come se ogni giorno fosse il primo appuntamento, quindi tutto ciò che abbiamo fatto è stato semplicemente fantastico. L’unica cosa che è stata noiosa per me, ho problemi tattili, ad esempio in America siamo un po’ più sensibili alla salute mentale delle persone, e non mi piaceva quando mi mettevano del sangue addosso e dovevo avere il sangue addosso per metà del film. Era appiccicoso, era scomodo e doveva essere tutto sulle mie mani, e quello era il più noioso. Direbbero solo “Mettilo su” e io direi “Bene, possiamo aspettare finché non mangio?” Poi, una volta acceso, ero così [gestures with discomfort] tutto il giorno perché ero appiccicoso. E così, quella era l’unica parte del film in cui ero tipo “Ehh”. Non sarei mai in grado di essere come uno di quelli – come Eddie Murphy farebbe i Klumps e farebbe tutto quel trucco. Non potrei mai farlo, perderei la testa.

la-macchina-bert-kreischer-mark-hamil
Immagine tramite immagini leggendarie

Sì, penso che molte persone non si rendano conto che hai colpito nel segno. Soprattutto se stai girando come un film di zombi e devi essere truccato.

KREISCHER: In nessun modo, cazzo. Non c’è modo.

In quella nota, devo andare, dirò solo congratulazioni per il film. Spero davvero che sia un grande successo per te.

KREISCHER: Fratello, grazie mille. Dalla tua bocca alle orecchie di Dio.

La macchina esce nelle sale il 26 maggio.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published.